cfpt distsipt

CORSO di COUNSELING ESPRESSIVO RELAZIONALE di GRUPPO

Premessa

Le peculiarità delle attività espressive sono oggi ampiamente riconosciute per la loro valenza ed efficacia nel lavoro relativo alle dinamiche individuali, relazionali e sociali. Vengono inoltre oggi considerati potenti strumenti di promozione culturale e civile in cui gli individui hanno l’opportunità di sviluppare le proprie caratteristiche e competenze. La figura del Counselor, riconosciuta a livello internazionale e in Italia dalla L 4/13, è sempre più richiesta negli ambiti socio-educativo, assistenziale, sanitario, culturali e aziendale.
Le potenzialità del lavoro di gruppo legate alla dimensione relazionale, unite alle potenzialità dell’azione espressivo e teatrale, si fondono in un intervento, supportato teoricamente e strutturato metodologicamente, che considera la complessità della persona, dei processi di gruppo e della comunità.
Il gruppo è la dimensione entro cui l’individuo ha l’occasione di sperimentare la relazione in una molteplicità di stimoli e variabili, tale per cui si crea l’occasione di entrare in contatto con nuove possibilità. Le tecniche artistico-espressive e il teatro spontaneo sono lo strumento che consente alle persone di esprimere la propria creatività, potenzialità ed emozioni in un ambito ludico e leggero, andando oltre i canali più razionali usati nella quotidianità.
Il Corso di Counseling Espressivo Relazionale di Gruppo (CERG) offre un modello in cui la dimensione artistica si coniuga con quella psicologica, relazionale, sociale, educativa e comunitaria. Questo modello si fonda, oltre che sui riferimenti del Counseling, principalmente sulla teoria e metodologia dei Metodi d’Azione di J.L.Moreno e sulle elaborazioni teoriche e metodologiche del Playback Theatre di J.Fox".
Il Counselor Espressivo Relazionale di Gruppo:
accompagna l’individuo nella complessità della dimensione del gruppo, orientandolo e sostenendolo nello sviluppo delle proprie competenze e specificità.
accompagna il gruppo nella complessità della sue relazioni e dei suoi ruoli, orientandolo e sostenendolo nello sviluppo della propria mission, dei propri obiettivi e delle proprie competenze e specificità.

Il video

a cura "playback-theatre.it"

CORSO di COUNSELING ESPRESSIVO RELAZIONALE di GRUPPO

Settori di intervento

Le possibilità di intervento sono molteplici nell’ambito della consulenza, dello sviluppo di comunità, del sostegno e della cura. In particolare:
• nella scuola e nell’ambito educativo; nella formazione professionale con il gruppo classe, con gli insegnanti ed operatori educativi
• nelle attività e istituzioni di cura, ASL, comunità, strutture sociosanitarie e assistenziali, formazione delle equipes e team di lavoro
• nelle carceri
• nelle aziende
• nell’ambito del Teatro Sociale e di Comunità
• negli interventi specifici nel ciclo di vita: età evolutiva, adolescenti, adulti, anziani
• nell’intervento con categorie omogenee: gruppi monoprofessionali, dipendenze, patologie specifiche, gruppi a rischio, genitori, ecc.

a cura "playback-theatre.it"

CORSO di COUNSELING ESPRESSIVO RELAZIONALE di GRUPPO

a chi è rivolto

• Per tutti coloro che intendono acquisire metodologie e strumenti che consentano un sostegno o uno sviluppo personale e/o professionale.
• Operatori della salute, educatori e operatori psicologici, sociali, sanitari, assistenziali e della cura per acquisire competenze teatrali ed espressive nella conduzione e nel lavoro con i gruppi.
• Insegnanti e formatori che intendono acquisire competenze nel lavoro con i gruppi e arricchire il bagaglio di competenze in ambito relazionale creativo e espressivo
• Operatori teatrali, animativi e culturali che intendono acquisire competenze nel lavoro con i gruppi e interessati ad apprendere un metodo teatrale ed espressivo trasversale da applicare in contesti sociali, educativi e formativi.
• Operatori del volontariato e del terzo settore che intendono acquisire competenze nel lavoro con i gruppi e vogliano arricchire il bagaglio di competenze in ambito relazionale creativo e espressivo e interessate ad apprendere un metodo teatrale trasversale da applicare in contesti sociali.

a cura "playback-theatre.it"

CORSO di COUNSELING ESPRESSIVO RELAZIONALE di GRUPPO

Riferimenti teorico-metodologici principali

Metodi Attivi (Action Methods)

I Metodi d’Azione si rifanno al pensiero di J.L. Moreno, ideatore del teatro della spontaneità, dello psicodramma e del sociodramma e, in generale, di quelli che vengono definiti Action Methods. Gli Action Methods si basano su modalità e tecniche che valorizzano le funzioni di doppio, specchio, assunzione e inversione di ruolo, rispecchiamento e incontro. Esse permettono di dare dignità e valore alla soggettività, legittimano l’esistenza e il riconoscimento delle emozioni più difficili da comunicare e attivano la condivisione profonda, consentendo un confronto tra auto ed etero percezione. La costruzione della scena e l’assunzione del ruolo permettono alle persone di assumere intenzionalmente un ruolo talvolta anche non consueto, avendo così accesso alle molteplici possibilità di relazione e alle molteplici emozioni, permettendo “un altro punto di vista”.
L’azione delicata e profonda che mira a coinvolgere la singola persona, crea un’adesione spontanea e una forte sinergia collaborativa tra i partecipanti. In particolare il metodo moreniano si fonda sull’apprendimento spontaneo e creativo.
A completamento della metodologia di matrice moreniana cui fa riferimento il CERG vanno considerate la Sociometria e il Sociodramma. La sociometria è l’insieme delle tecniche che consentono una rilevazione e un intervento sulle relazioni nei gruppi. Attraverso la sociometria il gruppo può riconoscere le proprie appartenenze interne e consentire al singolo di introdursi nella costituzione di nuovi legami e quindi nella costituzione stessa del gruppo.
Con l’ attività sociodrammatica è possibile far emergere le dimensioni culturali, sociali e valoriali del gruppo fondamentali per comprendere la posizione di ciascuno e la ridefinizione dell’identità e degli obiettivi condivisi del gruppo stesso.

Playback Theatre

Il Playback Theatre (ideato da Jonathan Fox) è una forma originale di improvvisazione teatrale in cui la gente racconta eventi reali della propria vita, e poi li guarda rappresentati al momento attraverso una rappresentazione scenica e musicale. Il Playback Theatre crea uno spazio rituale nel quale ogni storia, sia essa ordinaria, straordinaria, nascosta o difficile possa essere narrata ed immediatamente trasformata in teatro.
Uno spazio dove l’unicità di ogni persona è affermata e onorata mentre si costruiscono e si intensificano le connessioni tra le persone rafforzando lo spirito comunitario Il CERG utilizza il Playback Theatre sia nella dimensione performativa che in quella laboratoriale. La tecnica del Playback Theatre prevede che il soggetto narrante possa rivedere sulla scena la propria narrazione. L’attore in scena ha così occasione di vivere una nuova realtà nella relazione con l’altro è occasione per vivere, sperimentare e assumere una nuova posizione soggettiva. L’improvvisazione teatrale è occasione di sorpresa per il soggetto e in particolare nella dimensione più laboratoriale è strumento di osservazione delle caratteristiche relazionali dello stesso.

Psicologia sociale

Studia l’interazione sociale. Nella psicologia sociale il gruppo ha una propria identità sociale che necessita di una fase di costituzione, frutto del riconoscimento delle singole individualità le quali, espresse, consentono la creazione di legami. La vita di un gruppo è dinamica: ogni individuo è fonte di azioni che modificano le altre persone e il gruppo, nello stesso tempo la sua azione viene a sua volta modificata dalle azioni e reazioni altrui, secondo il principio dell’interdipendenza. La struttura di un gruppo quindi si modifica di continuo per i cambiamenti dei soggetti stessi e delle relazioni che si creano. Il gruppo consente di vivere esperienze di relazioni e di riflettere sulle stesse, acquisendo maggiore sensibilità e percezione di sé e degli altri

Psicologia umanistica

Ispirata al contributo di Carl Rogers, considera l’essere umano un organismo bio-psico-sociale, in una visione olistica dell’esperienza umana. Ogni comportamento nasce dal bisogno di crescita e di affermazione, l’equilibrio personale, continuamente ricercato, si genera dall’autostima. L’orientamento umanistico sostiene la “positività” e la “saggezza” di ogni persona che se accettata, ascoltata empaticamente e sostenuta adeguatamente è in grado di individuare, in modo autonomo, le strategie per raggiungere il benessere. Il cambiamento di ciascuna persona viene promosso attraverso un addestramento che promuove un processo autonomo di analisi e risoluzione dei problemi, riconoscendo e valorizzando la propria unicità.

a cura "playback-theatre.it"

CORSO di COUNSELING ESPRESSIVO RELAZIONALE di GRUPPO

CARDINI

SPONTANEITÀ E CREATIVITÀ

Apprendere la spontaneità significa apprendere a rispondere in modo sintonico alle esigenze dell'ambiente (senza distorcerne le richieste e la realtà) e alle proprie esigenze interne (senza stereotipie difensive e facendo emergere i veri bisogni e le autentiche emozioni). La spontaneità è in stretta relazione al concetto di creatività. Il fattore S-C (spontaneità-creatività) è l’elemento chiave nell'espansione dell'individuo per poter assumere ruoli nuovi e superare/trasformare in modo creativo i ruoli inadeguati e/o stereotipati. Dal ruolo alla posizione. Il ruolo, assegnato dall’altro è occasione per assumere soggettivamente nuove posizioni.

RITUALE

Il rituale è l’insieme degli atti codificati che strutturano un evento. Nel teatro improvvisato fornisce una cornice che contiene e rassicura ma al tempo stesso favorisce l’espressione libera e spontanea. Per il suo valore sociale permette di fondare o di rinsaldare i legami interni alla comunità. Il rituale è l’insieme delle fasi attraverso cui il gruppo è condotto in un processo evolutivo, di crescita, di trasformazione.

NARRAZIONE

L’esperienza personale è fonte di attenzione, interesse, commozione ed insegnamenti per l’intera comunità. E’ fondamentale per la salute emotiva, per dare un senso alla collocazione dell’uomo nel mondo, per costruire legami e significati.

ARTE/ESPRESSIONE ARTISTICA

L’espressione artistica non è esclusivo territorio dell’artista professionista, ogni persona è in grado di creare una forma estetica e poetica che è possibilità di espressione e veicolo di sensibilità, intuizione e apprendimento.

SIMBOLO

Il lavoro sul simbolo permette di arricchire la conoscenza di se stessi ben oltre l’erudizione. Il simbolo si presta ad essere esplorato e non spiegato offrendo sempre nuovi e molteplici significati, trascendendo i limiti dell’esprimibile. Il simbolo è pre-verbale e ci pone con immediatezza al cospetto del mondo delle immagini. Le sue proprietà integratrici si focalizzano nell’unità del molteplice, sulla vita, le sue cerimonie e i suoi riti, contattando la sfera archetipica.

ESTETICA

La dimensione estetica e poetica ha un grande potenziale curativo. Parlare di poetica del teatro significa prendere in attenta considerazione l’identità del regista di scena, dell’attore, dell’atto drammatico, dello spettatore ed il contesto nel quale si esprimono.

IMPROVVISAZIONE

L’improvvisazione è caratterizzata dalla contemporaneità tra la nascita e la fruizione dell’azione, è stimolo dell’atto creativo che è unico e irripetibile. L’improvvisazione è la modalità privilegiata del Playback Theatre e dei metodi attivi per l’attivazione della spontaneità e creatività.

GRUPPO

L’importanza del gruppo è centrale nei metodi d’azione e nel Playback Theatre. Il gruppo non è solo un contenitore necessario per lo svolgimento delle attività, ma è il cuore della possibilità di cambiamento, di accadimento, di cura e sviluppo dell’individuo e del gruppo stesso. Il gruppo è elemento fondante dell’attività perché l’azione di counseling, di formazione, di cura e di crescita passa attraverso le funzioni svolte non solo dal counselor/formatore, ma soprattutto attraverso i membri del gruppo stesso. ”Ogni essere umano può essere agente di cura per un altro essere umano” (J.L. Moreno)

a cura "playback-theatre.it"

CORSO di COUNSELING ESPRESSIVO RELAZIONALE di GRUPPO

PROGRAMMA

Il corso si articola in tre anni con un monte ore complessivo di 776 ore suddivise in:
• 252 ore specifiche (Playback Theatre + Metodologie Attive) comprensive di 6 intensivi residenziali
• 152 ore materie teoriche
• 150 ore tirocinio
• 72 ore supervisione didattica
• 100 ore formazione personale in gruppo

La prima annualità prevede:
• 96 ore di formazione in Playback Theatre e metodologie attive di matrice moreniana
• 2 intensivi residenziali per un totale di 5 giornate (Fondatori + tecniche sociodrammatiche + elementi di psicologia sociale)
• 2 performance pubbliche
• 8 ore di psicologia dei gruppi
• 8 ore di elementi di Counseling
• 8 ore di storia del Counseling
• 8 ore di deontologia professionale
• 25 ore di tirocinio
• 25 ore di supervisione didattica
• 20 ore di lavoro personale di gruppo
TOTALE PRIMA ANNUALITA’ 252 ORE

La seconda annualità prevede:
• 96 ore di formazione in Playback Theatre e metodologie attive di matrice moreniana
• 2 intensivi residenziali per un totale di 5 giornate (Fondatori + tecniche sociodrammatiche + elementi di psicologia dinamica)
• 2 performance pubbliche
• 8 ore di psicologia dei gruppi
• 8 ore di psicologia dello sviluppo
• 8 ore di teorie e tecniche della comunicazione
• 8 ore di elementi di Counseling
• 8 ore di deontologia professionale
• 35 ore di tirocinio
• 31 ore di supervisione didattica
• 20 ore di lavoro personale di gruppo
• Elaborato teorico
TOTALE SECONDA ANNUALITA’ 268 ORE

La terza annualità prevede:
• 20 ore di osservazione laboratori Playback Theatre e metodologie attive di matrice moreniana
• 2 intensivi residenziali per un totale di 5 giornate (Fondatori + tecniche sociodrammatiche + elementi di psicologia generale)
• 8 ore di psicologia dello sviluppo
• 16 ore di teorie e tecniche della comunicazione
• 85 ore di tirocinio
• 41 ore di supervisione didattica
• 40 ore di lavoro personale di gruppo
• esame TOTALE TERZA ANNUALITA’ 256 ORE

a cura "playback-theatre.it"

CORSO di COUNSELING ESPRESSIVO RELAZIONALE di GRUPPO

LE NOSTRE ORIGINI

PERCORSO

Il percorso è promosso dalla Scuola Italiana di Playback Theatre nata nel 2001. Opera da più di 15 anni nella conduzione di gruppi, formazione di operatori e in progetti nazionali e internazionali per la promozione del benessere dei singoli e delle comunità. La Scuola Italiana di PT si inserisce all’interno di un network internazionale ed è affiliata al Centre of Playback Theatre di New York.
Il percorso prevede docenti italiani ed internazionali con comprovata esperienza.

Docenti italiani

D.sa Nadia Lotti
Dott. Luigi Dotti
D.sa M.Elena Aimo
Dott. Davide Motta
Dott. Marco Finetti
Dott. Giacomo Volpengo
D.sa Isabella Peghin
Dott. Marco Greco

Esperti stranieri che hanno tenuto corsi in Italia negli ultimi anni:

U.S.A.: Jonathan Fox, Jo Salas , Paul Mc. Isac - Matteo Spitzer, Kimberly Rattley, Sarah Halley;
Australia: Debora Pearsons ; Robyn Weir;
Australia /Francia: Heather Robb;
Francia: Yves Postic ;
Inghilterra: Claudia Vau;
Inghilterra/Hong Kong: Veronica Needa;
Hong Kong: Eddie Yu;
Ungheria: Jozsef Paradi, Thiamer Bako, Attila Donath e Judit Erdos;
Grecia: Petros Theodorou ;
Argentina : Maria Elena Garavelli ;
Finlandia : Riitta Harilo ;
Svizzera: Fra Zeller;
Germania : Markus Huehn;
Israele: Aviva Apel-Rosenthal;
India : Parsapu Suresh Kumar;
Netherlands: Jaap Oostra;
Lituania: Rasa Urbšiene;

a cura "playback-theatre.it"

CORSO di COUNSELING ESPRESSIVO RELAZIONALE di GRUPPO

CONTATTI

TORINO

email:torino@playback-theatre.it
telefono 3472537485 - 3478206119

MILANO

email:milano@playback-theatre.it
telefono 3478714631 - 3397832198

a cura "playback-theatre.it"